Ultime Notizie

Ismea: crisi pesa su fiducia agricoltori, ma aspettative mostrano lieve miglioramento

Roma, 9 novembre 2010

La crisi continua a pesare sul sentiment delle aziende agricole italiane. Anche se qualche miglioramento si rileva in termini di aspettative, seppure in un quadro di incertezza alimentato, più di recente, dai timori di un aumento dei costi di produzione.

E' il giudizio di sintesi che emerge dalla prima indagine Ismea, relativa al terzo trimestre 2010, sul clima di fiducia delle aziende agricole italiane, illustrata oggi nell'ambito della conferenza stampa di presentazione dell'indagine trimestrale del settore agricolo lombardo, organizzata a Milano da Unioncamere e Regione Lombardia.

Le indicazioni raccolte da Ismea su un panel di 900 operatori del settore primario rivelano che la ripresa, seppure avviata in diversi settori, compresa l'industria manifatturiera, non sembra ancora coinvolgere appieno le aziende agricole, anche se il giudizio sugli sviluppi congiunturali, che resta prevalentemente negativo, appare in lieve recupero rispetto al terzo trimestre dell'anno scorso.

A livello settoriale emergono comunque alcune differenze nelle valutazioni espresse dai produttori. I risultati dell'indagine delineano in particolare un quadro meno negativo, rispetto alla media generale, per le aziende vitivinicole, al pari di quanto rilevato per le altre coltivazioni legnose e per gli allevamenti.

La produzione
Per la totalità dei settori le indicazioni sulla dinamica della produzione rivelano una flessione sia su base trimestrale, sia nel dato riferito ai primi nove mesi dell'anno rispetto all'analogo periodo del 2009.
All'origine di questo andamento, secondo gli agricoltori, sono diversi fattori: dalle avversità atmosferiche all'alternanza produttiva che ha interessato diverse coltivazioni. Qualche recupero è atteso comunque per fine anno, grazie soprattutto ai contributi positivi del comparto vitivinicolo e dell'olivicoltura.

I costi
In relazione ai costi di produzione, che nelle valutazioni prevalenti degli operatori non avrebbero subito variazioni sostanziali rispetto al precedente trimestre, si prevedono a fine anno rincari che oltre al capitolo energetico (carburanti, combustibili ed elettricità) potrebbero estendersi ai fertilizzanti, ai fitosanitari e ai mangimi.

Vendite e prezzi
Sul versante delle vendite nel terzo trimestre del 2010 le aziende segnalano, su base annua, una riduzione generalizzata delle quantità commercializzate.
In dettaglio, nell'ambito delle produzioni erbacee, a fronte della flessione che ha interessato in modo particolare il prezzo e le quantità del pomodoro da industria e i volumi di quelli da mensa, l'andamento per gli altri prodotti (cereali, colture industriali, patate, fiori e foraggi) è apparso meno sfavorevole nei giudizi degli operatori, grazie a una generale ripresa dei prezzi.
Nei settori delle coltivazioni legnose, olivicole e vitivinicole in particolare, la bilancia continua a pendere invece dal lato delle valutazioni negative, con poche eccezioni limitate alle quantità commercializzate di oli e vini confezionati e al collocamento delle uve da vino. Analoghi i riscontri per gli allevamenti da carne, a fronte di un generale miglioramento della situazione, sul versante delle vendite, per la linea latte, caratterizzata da sviluppi positivi sia per le quantità, sia per i prezzi.

L'occupazione
Non emergono, nel terzo trimestre 2010, variazioni sostanziali negli impieghi di manodopera in agricoltura rispetto al precedente periodo, con previsioni stazionarie anche per l'ultima parte dell'anno.

"Non ci sorprende - ha commentato Egidio Sardo, Direttore Generale di Ismea - che l'uscita dalla crisi stia avvenendo, per le imprese agricole, a piccoli passi e con qualche difficoltà oggettiva, insita negli elementi strutturali della nostra agricoltura, primi fra tutti la ridotta dimensione delle aziende, l'età media dei conduttori ancora troppo elevata e la scarsa propensione a investire."

"Con l'estensione delle indagini Panel alle aziende agricole - ha spiegato - abbiamo integrato il mosaico degli strumenti a disposizione di Ismea per misurare il clima di fiducia presso gli operatori della filiera agroalimentare. E' il terzo tassello che si aggiunge ai due già operativi, rappresentati dai panel di 1.300 imprenditori industriali e di 200 imprese della grande distribuzione alimentare."

"La collaborazione con Unioncamere-Lombardia - ha concluso Sardo - rappresenta un valido esempio di 'rete istituzionale' per la creazione di efficaci sinergie. L'obiettivo è supportare, con elementi di conoscenza, le decisioni degli operatori e delle istituzioni, offendo indicazioni utili a orientare anche in chiave previsionale le scelte future."

 

Ismea - UO comunicazione
Enrica Ruggeri, Vanna Sportelli, Andrea Festuccia,  contatta via mail


Altre notizie

  1. 02/02/2023 Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA

    Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA

  2. 27/01/2023 Debutta GENERAZIONE TERRA, la nuova misura ISMEA dedicata all'acquisto dei terreni da parte dei giovani.

    È stato presentato oggi a Roma, alla presenza del ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida, il nuovo strumento fondiario ISMEA rivolto ai giovani.
    GENERAZIONE TERRA finanzia fino al 100% del prezzo di acquisto dei terreni

    Debutta GENERAZIONE TERRA, la nuova misura ISMEA dedicata all'acquisto dei terreni da parte dei giovani.

  3. 18/01/2023 Cambiano i consumi nelle case degli italiani: in 3 anni bollicine a +17%, rossi fermi a-11%

    Cambiano i consumi nelle case degli italiani: in 3 anni bollicine a +17%, rossi fermi a-11%

  4. 21/12/2022 Al via la collaborazione tra ISMEA e Consorzio del Parmigiano Reggiano per il monitoraggio delle scorte

    Il Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano annuncia l'avvio di una collaborazione con l'ISMEA per un monitoraggio più puntuale delle scorte che contribuirà in maniera determinante, nel rispetto di principi di trasparenza e libera concorrenza tra tutti gli operatori interessati, ad attuare gli obiettivi fissati dal Piano regolazione offerta del Parmigiano Reggiano 2023-2025, approvato dal Mipaaf l'11 luglio 2022.

    Al via la collaborazione tra ISMEA e Consorzio del Parmigiano Reggiano per il monitoraggio delle scorte

  5. 14/12/2022 Il carrello della spesa ai tempi dell'inflazione: convenienza e italianità driver degli acquisti

    Il carrello della spesa ai tempi dell'inflazione: convenienza e italianità driver degli acquisti

  6. 13/12/2022  Vino, osservatorio Uiv-Ismea: export 9 mesi a volumi piatti, bene valore ma condizionato da inflazione

    Vino, osservatorio Uiv-Ismea: export 9 mesi a volumi piatti, bene valore ma condizionato da inflazione