Ultime Notizie

Prezzi agricoli di agosto: cereali + 17,5% rispetto a luglio , + 21% su agosto 2009

Roma, 21 settembre 2010

 
Nel mese di agosto 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione (calcolato in base 2000=100), si è attestato a 109 in leggera flessione rispetto a luglio (-1,4%) e in aumento dell'8,7% sull'analogo periodo dello scorso anno. Il confronto avviene, tuttavia, con un mese, agosto 2009, che è risultato particolarmente depresso per i mercati all'origine, con l'indice attestato sui livelli più bassi degli ultimi anni.

Relativamente alle coltivazioni, l'indice cede il 3,3% su base mensile a causa dei forti ribassi degli ortaggi e legumi (-18,7%) e della frutta fresca e secca (-15,9%), anche se in riferimento a quest'ultimi categoria, la flessione riscontrata non è attribuibile alle sole variazione di prezzo ma anche alla metodologia di calcolo dell'indice che prevede panieri e ponderazioni variabili mensilmente (ad agosto infatti escono dal paniere albicocche e ciliegie ed entrano le mele). In controtendenza l'andamento del settore cerealicolo ( +17,5% rispetto a luglio 2010) che rivela significative rivalutazioni per quasi tutti i listini e in particolare per l'orzo (+28,8%), frumento tenero (+26,4%), frumento duro (+17,1%) e granturco ( +16,8%). Stabili, sempre nel raffronto con il mese precedente, le quotazioni di vino, olio, tabacchi e sementi e colture industriali.

Il
confronto con agosto del 2009 evidenzia un incremento dell'indice delle coltivazioni dell'11,3%. Vistosi rialzi si registrano per i cereali che mettono a segno un +21% sull'anno scorso, grazie ai rincari del granturco (+50,3%), del frumento tenero (+39,5%) e dell'orzo (+47,3%). Rimane negativa, invece, la variazione tendenziale del frumento duro (-11,1%). Sempre su base annua, guadagnano anche la frutta fresca e secca (+20%), gli ortaggi e legumi (+6,3%), i tabacchi (+5,7%), e in misura più lieve il vino (+0,9%), mentre l'olio subisce un calo del 10,1%. Va comunque ricordato che nell'agosto 2009, l'indice dei prezzi aveva registrato su base tendenziale un -31,2% per i cereali e un -29,7% per la frutta fresca e secca.

In riferimento al comparto zootecnico l'indice risulta in crescita dell'1,7% rispetto a luglio e del 6,3% su agosto 2009. Il raffronto su base mensile evidenzia variazioni positive per i suini ( +8,3%), le carni cunicole (+6,2%) e gli ovicaprini (+4,6%). Più contenuti i rialzi del latte e derivati e dei volatili domestici, entrambi dell'1%, mentre le uova cedono il 4,2% e i bovini e bufalini non mostrano variazioni degne di nota.

La dinamica tendenziale indica anche questo mese un aumento sostenuto per i lattiero caseari (+15,7%), grazie ancora una volta alla crescita (ininterrotta negli ultimi 12 mesi) delle quotazioni del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano, per i volatili domestici (+11,3%) e per gli ovi-caprini (+5%). In flessione invece le uova (-7%), i bovini e bufalini (-2,8%), i suini (-2,3%). Sostanzialmente stabile l'indice per le carni cunicole
 

 

Ismea - UO comunicazione
Enrica Ruggeri, Vanna Sportelli, Andrea Festuccia,  contatta via mail


Altre notizie

  1. 02/02/2023 Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA

    Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA

  2. 27/01/2023 Debutta GENERAZIONE TERRA, la nuova misura ISMEA dedicata all'acquisto dei terreni da parte dei giovani.

    È stato presentato oggi a Roma, alla presenza del ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida, il nuovo strumento fondiario ISMEA rivolto ai giovani.
    GENERAZIONE TERRA finanzia fino al 100% del prezzo di acquisto dei terreni

    Debutta GENERAZIONE TERRA, la nuova misura ISMEA dedicata all'acquisto dei terreni da parte dei giovani.

  3. 18/01/2023 Cambiano i consumi nelle case degli italiani: in 3 anni bollicine a +17%, rossi fermi a-11%

    Cambiano i consumi nelle case degli italiani: in 3 anni bollicine a +17%, rossi fermi a-11%

  4. 21/12/2022 Al via la collaborazione tra ISMEA e Consorzio del Parmigiano Reggiano per il monitoraggio delle scorte

    Il Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano annuncia l'avvio di una collaborazione con l'ISMEA per un monitoraggio più puntuale delle scorte che contribuirà in maniera determinante, nel rispetto di principi di trasparenza e libera concorrenza tra tutti gli operatori interessati, ad attuare gli obiettivi fissati dal Piano regolazione offerta del Parmigiano Reggiano 2023-2025, approvato dal Mipaaf l'11 luglio 2022.

    Al via la collaborazione tra ISMEA e Consorzio del Parmigiano Reggiano per il monitoraggio delle scorte

  5. 14/12/2022 Il carrello della spesa ai tempi dell'inflazione: convenienza e italianità driver degli acquisti

    Il carrello della spesa ai tempi dell'inflazione: convenienza e italianità driver degli acquisti

  6. 13/12/2022  Vino, osservatorio Uiv-Ismea: export 9 mesi a volumi piatti, bene valore ma condizionato da inflazione

    Vino, osservatorio Uiv-Ismea: export 9 mesi a volumi piatti, bene valore ma condizionato da inflazione