Ultime Notizie

Prezzi agricoli in calo ad aprile: -0,6% rispetto a marzo, - 4,5% rispetto ad aprile 2009

Roma,á17 maggio 2010

 

Nel mese di aprile 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione dei prodotti agricoli, calcolato in base 2000=100, Ŕ stato pari a 107,3, in diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo 2010 e del 4,5% rispetto allo stesso periodo del 2009.

Su base mensile l'Ismea rileva un calo dello 0,6% per il totale delle coltivazioni e dell'1,1% per il comparto zootecnico, mentre il confronto con aprile 2009 evidenzia una flessione marcata per le coltivazioni (-9,3%) a fronte di un recupero dello zootecnico (+1,4%).

Nella categoria delle coltivazioni i cali congiunturali pi¨ significativi hanno interessato la frutta fresca e secca (-7,5%) e le coltivazioni industriali (-3%). Prezzi in flessione rispetto a marzo anche per gli ortaggi e legumi (-2,7%) e l'olio d'oliva (-1,1%), mentre i cereali registrano una variazione positiva del 2,1% e i vini dello 0,3%. Invariato l'indice per i tabacchi.

Il confronto con aprile 2009 rivela variazioni al rialzo solo per l'olio d'oliva (+11%), mentre gli altri settori accusano ribassi anche importanti. La frutta, in particolare, cede il 28,8%, a seguire i tabacchi (-8,8%), le colture industriali (-7%), i cereali (-5,1%), gli ortaggi ( -4,4%) e i vini ( -3,9%).

Passando al comparto zootecnico, l'indice di aprile risulta in flessione rispetto al mese precedente per quasi la totalitÓ delle categorie. Nel dettaglio: uova fresche e in guscio perdono il 5,4%, i suini il 2,4%, i bovini e bufalini l'1%, gli ovini e caprini lo 0,8% e gli altri animali vivi il 7,6%. Stabili i prezzi del latte e derivati e dei volatili domestici.

Il confronto tendenziale evidenzia variazioni di segno positivo per latte e derivati (+8,3%), uova (+5,6%), suini (+2,9%) e ovi-caprini (+1,3%). Risultano invece in flessione rispetto ad aprile 2009 i prezzi all'origine dei bovini e bufalini (-4,3%), dei volatili domestici (-12%) e degli altri animali vivi (-15,1%).

 

Ismea - UO comunicazione
Enrica Ruggeri, Vanna Sportelli, Andrea Festuccia,  contatta via mail


Altre notizie

  1. 02/02/2023 Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA

    Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA

  2. 27/01/2023 Debutta GENERAZIONE TERRA, la nuova misura ISMEA dedicata all'acquisto dei terreni da parte dei giovani.

    ╚ stato presentato oggi a Roma, alla presenza del ministro dell'Agricoltura, della SovranitÓ alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida, il nuovo strumento fondiario ISMEA rivolto ai giovani.
    GENERAZIONE TERRA finanzia fino al 100% del prezzo di acquisto dei terreni

    Debutta GENERAZIONE TERRA, la nuova misura ISMEA dedicata all'acquisto dei terreni da parte dei giovani.

  3. 18/01/2023 Cambiano i consumi nelle case degli italiani: in 3 anni bollicine a +17%, rossi fermi a-11%

    Cambiano i consumi nelle case degli italiani: in 3 anni bollicine a +17%, rossi fermi a-11%

  4. 21/12/2022 Al via la collaborazione tra ISMEA e Consorzio del Parmigiano Reggiano per il monitoraggio delle scorte

    Il Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano annuncia l'avvio di una collaborazione con l'ISMEA per un monitoraggio pi¨ puntuale delle scorte che contribuirÓ in maniera determinante, nel rispetto di principi di trasparenza e libera concorrenza tra tutti gli operatori interessati, ad attuare gli obiettivi fissati dal Piano regolazione offerta del Parmigiano Reggiano 2023-2025, approvato dal Mipaaf l'11 luglio 2022.

    Al via la collaborazione tra ISMEA e Consorzio del Parmigiano Reggiano per il monitoraggio delle scorte

  5. 14/12/2022 Il carrello della spesa ai tempi dell'inflazione: convenienza e italianitÓ driver degli acquisti

    Il carrello della spesa ai tempi dell'inflazione: convenienza e italianitÓ driver degli acquisti

  6. 13/12/2022  Vino, osservatorio Uiv-Ismea: export 9 mesi a volumi piatti, bene valore ma condizionato da inflazione

    Vino, osservatorio Uiv-Ismea: export 9 mesi a volumi piatti, bene valore ma condizionato da inflazione