Vini - Studi di settore

Vino: big spender e mercati emergenti

Andamento della domanda e posizionamento dell'Italia rispetto ai competitor 
 
Analizzando gli scambi internazionali di vino e mosti, secondo stime Ismea su dati Gta e Oiv, il 2012 ha chiuso con poco pi¨ di 100 milioni di ettolitri, in lieve flessione (-2%) rispetto al 2011. A questa riduzione in termini quantitativi, tuttavia, fa da contrappunto una progressione dell‟8% della spesa dovuta soprattutto ad un aumento dei listini medi internazionali.
 
Mentre in termini di spesa si registra quasi per tutti i Paesi importatori un segno positivo, sul fronte dei volumi i comportamenti sono apparsi i differenti. Fermandoci solo ai primi tre, che in volume sommano il 39% degli scambi totali ed il 41% del valore, si evidenzia la netta progressione degli Stati Uniti a fronte della flessione delle richieste da parte di Regno Unito e Germania. Quest‟ultima, peraltro, Ŕ l‟unica del terzetto di testa che ha diminuito, sebbene di poco, la spesa.