Bilancia agroalimentare

Gli scambi con l'estero del settore agroalimentare

Le tendenze del IV trimestre 2011

Il IV trimestre del 2011 stato caratterizzato da un rallentamento degli scambi agroalimentari, innescatosi nel trimestre precedente. In particolare, nel II semestre si assistito al ridimensionamento delle ottime performance registrate dall'export nella prima met dell'anno. Particolarmente critica risultata la dinamica dell'export agricolo che, dopo la contrazione registrata nel III trimestre, nel IV si mantenuto stazionario. Meno accentuato stato, invece, il rallentamento dell'export di prodotti lavorati.

Le tendenze del 2011

 Il 2011 stato un anno positivo per le esportazioni agroalimentari che, secondo le stime Istat, sono aumentate dell'8,5% rispetto al 2010. In particolare stata l'industria alimentare a trainare l'export, mentre il settore agricolo cresciuto in misura pi contenuta. Pi consistente stato l'aumento delle importazioni (+11%), soprattutto delle materie prime agricole. Il deficit della bilancia commerciale agroalimentare quindi peggiorato in misura piuttosto consistente, soprattutto per il settore primario.
Il made in Italy agroalimentare ha registrato nei primi 11 mesi del 2011, in base ai dati a consuntivo dell'Istat, un incremento dell'export (+7,3%) leggermente pi contenuto rispetto al settore agroalimentare nel suo complesso. Particolarmente positiva risultata la performance di alcuni prodotti come i formaggi, i succhi di frutta, il vino, i prodotti dolciari a base di cacao, la pasta, i prodotti da forno, i prodotti della salumeria e l'olio d'oliva. Moderata risultata la crescita delle esportazioni del settore frutticolo che grazie all'incremento delle esportazioni di mele ha compensato la riduzione di quelle di frutta estiva e agrumi. In calo l'export di conserve di pomodoro, riso e, soprattutto, ortaggi.

 

L'indagine completa, comprensiva di grafici e tabelle disponibile in PDF