Ultime Notizie

Prezzi agricoli ottobre: +4,2% su settembre, +9,2% su ottobre 2009

Roma,19 novembre 2010

Nel mese di ottobre 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione (calcolato in base 2000=100), si è attestato a 117,2 segnando un aumento sia sul mese precedente (+4,2%), sia sull'analogo periodo dello scorso anno (+9,2%).

L'aggregato delle coltivazioni registra un incremento dell'indice su base mensile del 7%, con punte del 18,2% per gli ortaggi e legumi e del 12,2% per la frutta fresca e secca. Tali incrementi non sono attribuibili, tuttavia, alle sole variazioni di prezzo ma anche alla metodologia di calcolo dell'indice che prevede panieri e ponderazioni variabili mensilmente (ad ottobre entrano infatti nel paniere arance, clementine, kiwi e diverse tipologie di ortaggi). Sempre nel raffronto con il mese precedente i vini registrano una rivalutazione dei listini all'origine del 3%, che ha interessato in particolare le tipologie Doc e Docg rosse e rosate. Per i cereali l'adeguamento al rialzo dello 0,9% evidenzia una stabilizzazione dei prezzi dopo i significativi rincari che hanno interessato il comparto a partire da luglio scorso. Un calo dell'1,9% si rileva per gli oli di oliva, mentre risultano stabili i tabacchi e le altre colture industriali.

La dinamica tendenziale rivela un incremento dell'indice delle coltivazioni del 13,5%. Significativi rialzi si registrano per i cereali (+40%) e la frutta, i cui prezzi hanno fatto segnare un incremento del 20,4% a causa, soprattutto, della minore disponibilità sul mercato di mele, pere e kiwi. Un andamento tendenziale positivo si evince anche per vino (+7,2%), tabacchi (+5,7%) e altre colture industriali (+2,3%). In flessione, invece, l'indice di oli di oliva e ortaggi, rispettivamente del 15,7% e 10,4%.

Passando al comparto zootecnico Ismea rileva una crescita dei prezzi del 1,7% rispetto a settembre e del 4,9% su ottobre 2009. Il confronto su base mensile evidenzia rialzi per lattiero caseari (+1,8%), bovini (+2,9%) e uova (+1%), a fronte di variazioni negative per suini (-3,7%), avicoli (-2,2%) e ovi-caprini (-0,2%).

Il confronto con ottobre dello scorso anno indica ancora un aumento sostenuto per i lattiero caseari (+13,5%), grazie in particolare alle buone performance dei formaggi grana. Relativamente agli altri settori, segnano rialzi i bovini (+2,7%) e gli ovi-caprini (+1,5%) mentre arretrano uova (-8%), suini (-4,7%) e avicoli (-1,4%).

 

Ismea - UO comunicazione
Enrica Ruggeri, Andrea Festuccia, Anna Ravazzoni - contatta via mail


Altre notizie

  1. 21/06/2017 Ismea, ortofrutta fresca e trasformata primo comparto dell'export agroalimentare

    "L'ortofrutta fresca italiana mostra performance positive, con un valore alla produzione di 12,3 miliardi di euro, pari al 25% della produzione agricola, una dinamica positiva dell'export che prosegue anche nel 2017, con un + 6% su base annua nel primo trimestre, e un saldo del commercio estero che, nel 2016, segna un +40% rispetto all'anno precedente, grazie soprattutto alla riduzione della spesa per le importazioni" ha dichiarato il Direttore Generale di Ismea, Raffaele Borriello, introducendo oggi a Firenze i lavori dell'evento Think Fresh 2017.

    Ismea, ortofrutta fresca e trasformata primo comparto dell'export agroalimentare

  2. 13/06/2017 Ismea, export salumi: l'Italia conquista la leadership mondiale superando la Germania e punta all'espansione in USA, Canada e Giappone

    Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, nel 2016, l'Italia ha conquistato la leadership mondiale per le esportazioni di preparazioni e conserve suine, superando la Germania. Lo storico sorpasso è avvenuto soprattutto grazie alla crescita della quota detenuta dall'Italia nei primi tre mercati di sbocco - Germania, Francia e Regno Unito - che, complessivamente, rappresentano quasi la metà del valore generato dalle vendite all'estero dei salumi nostrani.

    Ismea, export salumi: l'Italia conquista la leadership mondiale superando la Germania e punta all'espansione in USA, Canada e Giappone

  3. 06/06/2017 Ismea, pomodoro da industria: migliorano consumi interni, Italia primo esportatore mondiale

    Il nostro paese nel 2016 ha prodotto il 14% del pomodoro da industria mondiale, ed è il primo esportatore. Nei primi mesi del 2017 le dinamiche, inoltre, confermano l'inversione del trend negativo delle vendite al dettaglio, che segnano un +1,7% in volume e un +1,1% in valore. Un ruolo di primaria importanza quello svolto dall'Italia nella filiera dei trasformati del pomodoro, con un giro di affari stimato in 3,2 miliardi nel 2016.

    Ismea, pomodoro da industria: migliorano consumi interni, Italia primo esportatore mondiale

  4. 05/06/2017 Ismea: consumi alimentari in graduale uscita dalla crisi, i confezionati fanno da traino

    Dopo una serie di segni meno nel 2016, la spesa delle famiglie per gli acquisti agroalimentari registra un'inversione di tendenza nel primo trimestre 2017: a fare da traino i prodotti confezionati (+1,6%). Le dinamiche dei comportamenti di acquisto delle famiglie italiane presso i punti vendita non sembrano più segnate ormai solo dalla categoria di appartenenza del prodotto, ma anche dalla sua modalità di presentazione con una tendenza che va consolidandosi a favore del confezionato.

    Ismea: consumi alimentari in graduale uscita dalla crisi, i confezionati fanno da traino

  5. 30/05/2017 Ismea, Agriturismo:offerta matura quantitativamente, ora più competitività

    Nel 2015 le presenze in agriturismo sono state oltre 11,3 milioni (di cui stranieri 57%), con un incremento del 4,9% rispetto al 2014 e un giro di affari complessivo vicino a 1,2 miliardi di euro. Numeri che danno l'idea di un comparto importante per l'agricoltura italiana, ma che necessitano di una lettura più approfondita in un'ottica di crescita sostenibile ed equilibrata.

    Ismea, Agriturismo: offerta matura quantitativamente, ora più competitività

  6. 25/05/2017 Ismea avvia un percorso di alta formazione rivolto ai Consorzi di tutela dei prodotti Dop e Igp

    Domande entro il 30 giugno, management, marketing e internazionalizzazione tra le principali materie di studio

    Ismea avvia un percorso di alta formazione rivolto ai Consorzi di tutela dei prodotti Dop e Igp