Ultime Notizie

Prezzi agricoli ottobre: +4,2% su settembre, +9,2% su ottobre 2009

Roma,19 novembre 2010

Nel mese di ottobre 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione (calcolato in base 2000=100), si è attestato a 117,2 segnando un aumento sia sul mese precedente (+4,2%), sia sull'analogo periodo dello scorso anno (+9,2%).

L'aggregato delle coltivazioni registra un incremento dell'indice su base mensile del 7%, con punte del 18,2% per gli ortaggi e legumi e del 12,2% per la frutta fresca e secca. Tali incrementi non sono attribuibili, tuttavia, alle sole variazioni di prezzo ma anche alla metodologia di calcolo dell'indice che prevede panieri e ponderazioni variabili mensilmente (ad ottobre entrano infatti nel paniere arance, clementine, kiwi e diverse tipologie di ortaggi). Sempre nel raffronto con il mese precedente i vini registrano una rivalutazione dei listini all'origine del 3%, che ha interessato in particolare le tipologie Doc e Docg rosse e rosate. Per i cereali l'adeguamento al rialzo dello 0,9% evidenzia una stabilizzazione dei prezzi dopo i significativi rincari che hanno interessato il comparto a partire da luglio scorso. Un calo dell'1,9% si rileva per gli oli di oliva, mentre risultano stabili i tabacchi e le altre colture industriali.

La dinamica tendenziale rivela un incremento dell'indice delle coltivazioni del 13,5%. Significativi rialzi si registrano per i cereali (+40%) e la frutta, i cui prezzi hanno fatto segnare un incremento del 20,4% a causa, soprattutto, della minore disponibilità sul mercato di mele, pere e kiwi. Un andamento tendenziale positivo si evince anche per vino (+7,2%), tabacchi (+5,7%) e altre colture industriali (+2,3%). In flessione, invece, l'indice di oli di oliva e ortaggi, rispettivamente del 15,7% e 10,4%.

Passando al comparto zootecnico Ismea rileva una crescita dei prezzi del 1,7% rispetto a settembre e del 4,9% su ottobre 2009. Il confronto su base mensile evidenzia rialzi per lattiero caseari (+1,8%), bovini (+2,9%) e uova (+1%), a fronte di variazioni negative per suini (-3,7%), avicoli (-2,2%) e ovi-caprini (-0,2%).

Il confronto con ottobre dello scorso anno indica ancora un aumento sostenuto per i lattiero caseari (+13,5%), grazie in particolare alle buone performance dei formaggi grana. Relativamente agli altri settori, segnano rialzi i bovini (+2,7%) e gli ovi-caprini (+1,5%) mentre arretrano uova (-8%), suini (-4,7%) e avicoli (-1,4%).

 

Ismea - Ufficio comunicazione Istituzionale
Enrica Ruggeri - 0685568386  - contatta via mail


Altre notizie

  1. 06/08/2015 Ismea, rallenta a luglio il calo dei prezzi agricoli

    Ismea, rallenta a luglio il calo dei prezzi agricoli

    Ismea, rallenta a luglio il calo dei prezzi agricoli

  2. 05/08/2015 Rapporto "AgrOsserva" sul II trimestre 2015

    Rallenta l'agroalimentare italiano nel secondo trimestre del 2015, dopo l'evoluzione positiva osservata a inizio anno. Mentre l'export continua ad avanzare a ritmi sostenuti, rilevano Ismea e Unioncamere nel consueto appuntamento con  AgrOsserva, l'OsservatorioIsmea-Unioncamere sulla congiuntura dell'agroalimentare italiano, la debolezza della domanda interna sta avendo marcati riflessi sull'industria alimentare, le cui vendite dipendono per tre quarti ancora dal mercato domestico.


    Rapporto "AgrOsserva" sul II trimestre 2015

  3. 30/07/2015 Accordo Ismea Ferrero: lo stato dell'arte ad oggi

    Accordo Ismea Ferrero: lo stato dell'arte ad oggi

    Accordo Ismea Ferrero: lo stato dell'arte ad oggi

  4. 16/07/2015 Prosegue a giugno la flessione dei prezzi agricoli (meno 3,2% su maggio, -1% su base annua)

    Prosegue a giugno la flessione dei prezzi agricoli (meno 3,2% su maggio, -1% su base annua)

    Prosegue a giugno la flessione dei prezzi agricoli (meno 3,2% su maggio, -1% su base annua)

  5. 15/07/2015 Regione Piemonte, Ismea e Ferrero firmano un accordo per lo sviluppo del nocciolo

    Regione Piemonte, Ismea e Ferrero firmano un accordo per lo sviluppo del nocciolo

    Regione Piemonte, Ismea e Ferrero firmano un accordo per lo sviluppo del nocciolo

  6. 13/07/2015 A settembre un fondo dedicato alle start up agroalimentari

    Nell'ambito del Forum 'Start up e Innovazione" realizzato venerdì scorso a Expo dal Mipaaf assieme a Google Italia e ItaliaCamp Vivaio Italia, è stato annunciato dal ministro Martina un investimento di 20 milioni di euro per finanziare le start up agroalimentari capaci di proporre soluzioni innovative per il modello agricolo Italiano.


    A settembre un fondo dedicato alle start up agroalimentari