Ultime Notizie

Prezzi agricoli ottobre: +4,2% su settembre, +9,2% su ottobre 2009

Roma,19 novembre 2010

Nel mese di ottobre 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione (calcolato in base 2000=100), si è attestato a 117,2 segnando un aumento sia sul mese precedente (+4,2%), sia sull'analogo periodo dello scorso anno (+9,2%).

L'aggregato delle coltivazioni registra un incremento dell'indice su base mensile del 7%, con punte del 18,2% per gli ortaggi e legumi e del 12,2% per la frutta fresca e secca. Tali incrementi non sono attribuibili, tuttavia, alle sole variazioni di prezzo ma anche alla metodologia di calcolo dell'indice che prevede panieri e ponderazioni variabili mensilmente (ad ottobre entrano infatti nel paniere arance, clementine, kiwi e diverse tipologie di ortaggi). Sempre nel raffronto con il mese precedente i vini registrano una rivalutazione dei listini all'origine del 3%, che ha interessato in particolare le tipologie Doc e Docg rosse e rosate. Per i cereali l'adeguamento al rialzo dello 0,9% evidenzia una stabilizzazione dei prezzi dopo i significativi rincari che hanno interessato il comparto a partire da luglio scorso. Un calo dell'1,9% si rileva per gli oli di oliva, mentre risultano stabili i tabacchi e le altre colture industriali.

La dinamica tendenziale rivela un incremento dell'indice delle coltivazioni del 13,5%. Significativi rialzi si registrano per i cereali (+40%) e la frutta, i cui prezzi hanno fatto segnare un incremento del 20,4% a causa, soprattutto, della minore disponibilità sul mercato di mele, pere e kiwi. Un andamento tendenziale positivo si evince anche per vino (+7,2%), tabacchi (+5,7%) e altre colture industriali (+2,3%). In flessione, invece, l'indice di oli di oliva e ortaggi, rispettivamente del 15,7% e 10,4%.

Passando al comparto zootecnico Ismea rileva una crescita dei prezzi del 1,7% rispetto a settembre e del 4,9% su ottobre 2009. Il confronto su base mensile evidenzia rialzi per lattiero caseari (+1,8%), bovini (+2,9%) e uova (+1%), a fronte di variazioni negative per suini (-3,7%), avicoli (-2,2%) e ovi-caprini (-0,2%).

Il confronto con ottobre dello scorso anno indica ancora un aumento sostenuto per i lattiero caseari (+13,5%), grazie in particolare alle buone performance dei formaggi grana. Relativamente agli altri settori, segnano rialzi i bovini (+2,7%) e gli ovi-caprini (+1,5%) mentre arretrano uova (-8%), suini (-4,7%) e avicoli (-1,4%).

 

Ismea - UO comunicazione
Enrica Ruggeri, Andrea Festuccia, Anna Ravazzoni - contatta via mail


Altre notizie

  1. 01/08/2017 Ismea, l'agricoltura italiana continua a crescere - AgrOsserva -  I e II trimestre 2017

    Segnali positivi da occupazione, investimenti, giovani ed export, ma volatilità dei mercati e andamento meteorologico pesano sulla fiducia delle imprese.
    In un contesto di crescita complessiva dell'economia italiana, il settore agricolo continua a registrare performance positive. Nei primi due trimestri del 2017 migliorano i dati dell'occupazione, degli investimenti, degli scambi internazionali e aumenta il numero delle imprese agricole condotte da giovani.

    Ismea, l'agricoltura italiana continua a crescere - AgrOsserva - I e II trimestre 2017

  2. 27/07/2017 Ismea: olio d'oliva, si chiude con un meno 62% la campagna olearia

    Per il settore dell'olio di oliva, la campagna 2016/2017 si archivia come la peggiore degli ultimi decenni. Secondo la stima ISMEA su dati Agea, infatti, la produzione si è attestata a 182 mila tonnellate, con un calo del 62% rispetto all'annata precedente. Un dato ben peggiore delle già basse stime realizzate in corso di campagna.

    Ismea: olio d'oliva, si chiude con un meno 62% la campagna olearia

  3. 13/07/2017 Ismea, scambi Italia-Giappone: nel I trimestre 2017 l'export agroalimentare cresce del 38%

    L'export agroalimentare italiano verso il Giappone (953 milioni di euro nel 2016), tra il 2015 e il 2016, ha registrato un incremento del +17,9%, ma è soprattutto la crescita avvenuta nel primo trimestre 2017 (+38,3% rispetto al primo trimestre 2016) che spalanca le porte a nuovi scenari commerciali verso il paese del Sol levante, pur pesando per il 2,5% sul totale delle esportazioni agroalimentari nazionali (circa 38 mld di euro).

    Ismea, scambi Italia-Giappone: nel I trimestre 2017 l'export agroalimentare cresce del 38%

  4. 04/07/2017 Ismea, stime frumento duro: scende del 2,3% la produzione mondiale, anche l'Italia in calo

    Le più recenti informazioni sull'evoluzione dell'offerta mondiale di frumento duro indicano una flessione del 2,3% della produzione che scenderebbe a 39 milioni di tonnellate nel 2017. Parallelamente, i consumi sono stimati in lieve aumento dello 0,5% (38,9 milioni di tonnellate), posizionandosi su livelli di poco inferiori all'offerta e determinando una stabilità delle scorte a 10,8 milioni di tonnellate.

    Ismea, stime frumento duro: scende del 2,3% la produzione mondiale, anche l'Italia in calo, si rivalutano i prezzi all'origine

  5. 21/06/2017 Ismea, ortofrutta fresca e trasformata primo comparto dell'export agroalimentare

    "L'ortofrutta fresca italiana mostra performance positive, con un valore alla produzione di 12,3 miliardi di euro, pari al 25% della produzione agricola, una dinamica positiva dell'export che prosegue anche nel 2017, con un + 6% su base annua nel primo trimestre, e un saldo del commercio estero che, nel 2016, segna un +40% rispetto all'anno precedente, grazie soprattutto alla riduzione della spesa per le importazioni" ha dichiarato il Direttore Generale di Ismea, Raffaele Borriello, introducendo oggi a Firenze i lavori dell'evento Think Fresh 2017.

    Ismea, ortofrutta fresca e trasformata primo comparto dell'export agroalimentare

  6. 13/06/2017 Ismea, export salumi: l'Italia conquista la leadership mondiale superando la Germania e punta all'espansione in USA, Canada e Giappone

    Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, nel 2016, l'Italia ha conquistato la leadership mondiale per le esportazioni di preparazioni e conserve suine, superando la Germania. Lo storico sorpasso è avvenuto soprattutto grazie alla crescita della quota detenuta dall'Italia nei primi tre mercati di sbocco - Germania, Francia e Regno Unito - che, complessivamente, rappresentano quasi la metà del valore generato dalle vendite all'estero dei salumi nostrani.

    Ismea, export salumi: l'Italia conquista la leadership mondiale superando la Germania e punta all'espansione in USA, Canada e Giappone