Ultime Notizie

Prezzi agricoli ottobre: +4,2% su settembre, +9,2% su ottobre 2009

Roma,19 novembre 2010

Nel mese di ottobre 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione (calcolato in base 2000=100), si è attestato a 117,2 segnando un aumento sia sul mese precedente (+4,2%), sia sull'analogo periodo dello scorso anno (+9,2%).

L'aggregato delle coltivazioni registra un incremento dell'indice su base mensile del 7%, con punte del 18,2% per gli ortaggi e legumi e del 12,2% per la frutta fresca e secca. Tali incrementi non sono attribuibili, tuttavia, alle sole variazioni di prezzo ma anche alla metodologia di calcolo dell'indice che prevede panieri e ponderazioni variabili mensilmente (ad ottobre entrano infatti nel paniere arance, clementine, kiwi e diverse tipologie di ortaggi). Sempre nel raffronto con il mese precedente i vini registrano una rivalutazione dei listini all'origine del 3%, che ha interessato in particolare le tipologie Doc e Docg rosse e rosate. Per i cereali l'adeguamento al rialzo dello 0,9% evidenzia una stabilizzazione dei prezzi dopo i significativi rincari che hanno interessato il comparto a partire da luglio scorso. Un calo dell'1,9% si rileva per gli oli di oliva, mentre risultano stabili i tabacchi e le altre colture industriali.

La dinamica tendenziale rivela un incremento dell'indice delle coltivazioni del 13,5%. Significativi rialzi si registrano per i cereali (+40%) e la frutta, i cui prezzi hanno fatto segnare un incremento del 20,4% a causa, soprattutto, della minore disponibilità sul mercato di mele, pere e kiwi. Un andamento tendenziale positivo si evince anche per vino (+7,2%), tabacchi (+5,7%) e altre colture industriali (+2,3%). In flessione, invece, l'indice di oli di oliva e ortaggi, rispettivamente del 15,7% e 10,4%.

Passando al comparto zootecnico Ismea rileva una crescita dei prezzi del 1,7% rispetto a settembre e del 4,9% su ottobre 2009. Il confronto su base mensile evidenzia rialzi per lattiero caseari (+1,8%), bovini (+2,9%) e uova (+1%), a fronte di variazioni negative per suini (-3,7%), avicoli (-2,2%) e ovi-caprini (-0,2%).

Il confronto con ottobre dello scorso anno indica ancora un aumento sostenuto per i lattiero caseari (+13,5%), grazie in particolare alle buone performance dei formaggi grana. Relativamente agli altri settori, segnano rialzi i bovini (+2,7%) e gli ovi-caprini (+1,5%) mentre arretrano uova (-8%), suini (-4,7%) e avicoli (-1,4%).

 

Ismea - Unità Operativa Comunicazione
Anna Ravazzoni, Enrica Ruggeri - contatta via mail


Altre notizie

  1. 28/09/2016 Indagine Ismea sui canali di sbocco delle aziende agricole

    Solo il 4% della produzione agricola prende la via dei mercati esteri, mentre oltre il 20% delle aziende pratica la vendita diretta (più del 40% nel caso delle olivicole).

    Indagine Ismea sui canali di sbocco delle aziende agricole

  2. 23/09/2016 "Giovani in agricoltura": online l'intervento Ismea al Salone del Gusto Terra Madre

    E' disponibile online l'intervento realizzato da Ismea nell'ambito del Workshop "Giovani e Agricoltura", tenutosi al recente Salone del Gusto, e tappa importante del nuovo progetto più generale che l'Istituto ha pensato per i 40 giovani vincitori del "Bando Mipaaf per la partecipazione alle fiere nazionali e internazionali 2016". Il documento presenta anche un interessante confronto a livello europeo.

    Ismea porta al Salone del Gusto Terra Madre 2016 i giovani talenti dell'agricoltura italiana - Disponibile la presentazione Ismea

  3. 21/09/2016 Ismea, cresce l'occupazione agricola nel II trimestre 2016

    Il miglioramento dell'occupazione nazionale (+2% su base annua) si riflette in maniera amplificata nel settore agricolo (+6,5%), dove soprattutto cresce la componente under 35 (+9,1%)

    Ismea, cresce l'occupazione agricola nel II trimestre 2016

  4. 19/09/2016 A luglio rallenta l'export agroalimentare italiano

    Dopo l'andamento positivo registrato nei mesi di maggio e giugno, a luglio le spedizioni all'estero dei prodotti agroalimentari registrano una frenata, perdendo 2,8 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo del 2015 (in valore).
    Il calo è stato più evidente per le esportazioni dei prodotti dell'agricoltura (-5,5%) mentre per quelli dell'industria alimentare la flessione tendenziale è stata meno marcata (-2,4%), ma tuttavia la più significativa degli ultimi due anni.

    A luglio rallenta l'export agroalimentare italiano

  5. 16/09/2016 Ismea, provano a ripartire i listini agricoli ad agosto

    Il mese di agosto chiude con una ripresa congiunturale dei prezzi in campagna (+2,8%), ma la tendenza rimane deflativa (-3,2% su agosto 2015), con l'indice core stabile sul valore minimo dal 2011.

    Ismea, provano a ripartire i listini agricoli ad agosto

  6. 06/09/2016 Vino: Italia riconquista leadership mondiale

    Presentate oggi le previsioni vendemmiali 2016 da Unione Italiana Vini, Ismea, Mipaaf - "L'Italia si conferma primo produttore di vino al mondo per quantità - commenta il Ministro Maurizio Martina. Un dato importante, soprattutto tenendo conto della grande qualità che sappiamo sviluppare in tutti i territori delle nostre regioni. Ora dobbiamo diventare leader anche per valore. Una sfida alla nostra portata, che vogliamo e dobbiamo vincere insieme ai produttori, continuando a investire su qualità e innovazione."

    Vino: Italia riconquista leadership mondiale