Ultime Notizie

Prezzi agricoli ottobre: +4,2% su settembre, +9,2% su ottobre 2009

Roma,19 novembre 2010

Nel mese di ottobre 2010 l'indice Ismea dei prezzi alla produzione (calcolato in base 2000=100), si è attestato a 117,2 segnando un aumento sia sul mese precedente (+4,2%), sia sull'analogo periodo dello scorso anno (+9,2%).

L'aggregato delle coltivazioni registra un incremento dell'indice su base mensile del 7%, con punte del 18,2% per gli ortaggi e legumi e del 12,2% per la frutta fresca e secca. Tali incrementi non sono attribuibili, tuttavia, alle sole variazioni di prezzo ma anche alla metodologia di calcolo dell'indice che prevede panieri e ponderazioni variabili mensilmente (ad ottobre entrano infatti nel paniere arance, clementine, kiwi e diverse tipologie di ortaggi). Sempre nel raffronto con il mese precedente i vini registrano una rivalutazione dei listini all'origine del 3%, che ha interessato in particolare le tipologie Doc e Docg rosse e rosate. Per i cereali l'adeguamento al rialzo dello 0,9% evidenzia una stabilizzazione dei prezzi dopo i significativi rincari che hanno interessato il comparto a partire da luglio scorso. Un calo dell'1,9% si rileva per gli oli di oliva, mentre risultano stabili i tabacchi e le altre colture industriali.

La dinamica tendenziale rivela un incremento dell'indice delle coltivazioni del 13,5%. Significativi rialzi si registrano per i cereali (+40%) e la frutta, i cui prezzi hanno fatto segnare un incremento del 20,4% a causa, soprattutto, della minore disponibilità sul mercato di mele, pere e kiwi. Un andamento tendenziale positivo si evince anche per vino (+7,2%), tabacchi (+5,7%) e altre colture industriali (+2,3%). In flessione, invece, l'indice di oli di oliva e ortaggi, rispettivamente del 15,7% e 10,4%.

Passando al comparto zootecnico Ismea rileva una crescita dei prezzi del 1,7% rispetto a settembre e del 4,9% su ottobre 2009. Il confronto su base mensile evidenzia rialzi per lattiero caseari (+1,8%), bovini (+2,9%) e uova (+1%), a fronte di variazioni negative per suini (-3,7%), avicoli (-2,2%) e ovi-caprini (-0,2%).

Il confronto con ottobre dello scorso anno indica ancora un aumento sostenuto per i lattiero caseari (+13,5%), grazie in particolare alle buone performance dei formaggi grana. Relativamente agli altri settori, segnano rialzi i bovini (+2,7%) e gli ovi-caprini (+1,5%) mentre arretrano uova (-8%), suini (-4,7%) e avicoli (-1,4%).

 

Ismea - Unità Operativa Comunicazione
Enrica Ruggeri, Andrea Festuccia, Anna Ravazzoni - contatta via mail


Altre notizie

  1. 06/12/2016 Innovative, "green" e multifunzionali: ecco le aziende vincitrici del concorso lanciato da Ismea e RRN

    Sono 8 le aziende che hanno vinto la quinta edizione Concorso Nuovi fattori di successo. Uno spaccato dell'agricoltura del futuro, sostenibile, orientata alla qualità e polo di attrazione del territorio. Giovani, innovativi, "green": questi i tratti distintivi degli imprenditori agricoli selezionati dal Concorso "Nuovi fattori di successo", iniziativa organizzata dall'Ismea nell'ambito della Rete Rurale nazionale 2014-2020.

    Innovative, "green" e multifunzionali: ecco le aziende vincitrici del concorso lanciato da Ismea e RRN

  2. 02/12/2016 Ismea, continua l'evoluzionepositiva dell'economia agricola

    Tra luglio e settembre 2016, il valore aggiunto agricolo ha registrato una crescita del +1% rispetto al corrispondente periodo del 2015. A incidere positivamente la campagna di produzione del frumento duro, l'incremento delle macellazioni nel settore suinicolo e quello delle consegne di latte vaccino.

    Ismea, continua l'evoluzione positiva dell'economia agricola

  3. 29/11/2016 Ismea, carne bovina: domanda debole ma sempre più orientata al prodotto nazionale

    Nei primi nove mesi del 2016 calo del 4,8% su base annua dei volumi acquistati di carni bovine fresche, corrispondente a un calo del 6,8% della spesa
    Nello stesso periodo le attività di macellazione nazionale segnano una ripresa e salgono del 3,9% in termini di capi macellati e dell' 1,5% in termini di carne prodotta, con ulteriori stime di crescita a partire da gennaio 2017.

    Ismea, carne bovina: domanda debole ma sempre più orientata al prodotto nazionale

  4. 23/11/2016 Ismea, a ottobre in calo i costi di produzione

    L'Indice Ismea rileva un calo del 3,1% su base annua: a incidere soprattutto i prodotti energetici (-10,1%) ma anche fertilizzanti e fitosanitari (rispettivamente -4,2% e -1,2%), mangimi (-3,8%) e, fra gli animali d'allevamento, bovini (-4,4%) e avicoli (-11,0%).

    Ismea, a ottobre in calo i costi di produzione

  5. 21/11/2016 Ismea, dopo boom di agosto si consolida crescita export dell'agroalimentare

    Alla spinta di agosto (+13,4%) fa eco un settembre molto positivo per le vendite oltre frontiera   dei prodotti agroalimentari italiani (+5,7%). Food and drink settore guida dell'export nazionale con 28 miliardi di euro nei primi nove mesi dell'anno.

    Ismea, dopo boom di agosto si consolida crescita export dell'agroalimentare

  6. 18/11/2016 Ismea-Unaprol: nel 2016 produzione olio dimezzata

    Le previsioni produttive si attestano su 243.000 tonnellate, con un calo del 50% al Sud e del 40% al Centro rispetto al 2015 - in controtendenza il Nord, per un calo totale nazionale del 49%.
    Tendenze rialziste dei prezzi, con gli extravergine che già in ottobre avevano abbondantemente superato i 4 euro al chilo, per arrivare rapidamente ai 5,52 euro al chilo di metà novembre.

    Ismea-Unaprol: nel 2016 produzione olio dimezzata