Studi di settore

I semestre 2006: il deficit della bilancia ittica raggiunge i 1.487 milioni di euro

Gennaio - Giugno 2006

 

A maggio 2006 il settore ittico italiano ritrova slancio nell'export. Grazie all'approssimarsi della stagione estiva, le vendite all'estero, dopo i risultati poco brillanti del quadrimestre precedente, segnano un balzo in avanti rispetto ad aprile 2006 del 39,7% in volume  e del 25,6% in valore. Specularmente, la crescita della domanda interna determina un effetto espansivo sull'import, aumentato in termini quantitativi del 17,2% rispetto ad aprile 2006 con una spesa in rialzo del 18,5%.
Secondo gli aggiornamenti pervenuti dall'Istat a giugno 2006, la bilancia commerciale conferma comunque la strutturale debolezza competitiva del settore ittico per effetto della flessione dell'export in termini quantitativi del 14,6% rispetto a maggio 2006. A conferma di ci˛, anche i dati valutari delle esportazioni mostrano una varizione congiuntuale che, seppur positiva, appare poco significativa (+1,7%) per il miglioramento dei conti. Sul fronte dell'import, giugno 2006 ha fatto registrare una contrazione dei valori importati dell'1,5% rispetto a maggio, accompagnata dall'andamento in ascesa dei quantitativi importati (+1,5% rispetto a maggio 2006).

 

Lo studio completo, comprensivo di grafici e tabelle Ŕ disponibile in PDF