Pubblicazioni - Oli e olive da mensa

Quaderno di Filiera N. 5 - Il mercato dell'olio di oliva sfuso in Italia

Pubblicazione gratuita

Si aggira attorno a 750mila tonnellate il consumo di olio d'oliva in Italia, per un valore complessivo di 3mila milioni di euro circa ed un consumo pro capite di 12-13 chilogrammi. Secondo stime Ismea, il consumo di prodotto sfuso dovrebbe coprire almeno un terzo degli acquisti complessivi di olio d'oliva. In questa percentuale sono compresi sia i consumi delle famiglie produttrici di olio d'oliva, sia quelli di coloro che hanno effettuato acquisti o ricevuto in regalo olio d'oliva non confezionato (in tutto tre milioni di famiglie circa).

Rispetto ad altre realtÓ olivicole comunitarie, la situazione italiana Ŕ pi¨ simile a quella greca, dove il fenomeno dello sfuso Ŕ ancora pi¨ marcato, mentre si differenzia nettamente dal caso spagnolo, dove le vendite di prodotto non confezionato al dettaglio rappresentano una realtÓ di nicchia.

Queste e numerose altre informazioni sono contenute nel quinto quaderno di filiera 'Il mercato dell'olio d'oliva sfuso in Italia'. Si tratta di un lavoro di 30 pagine in tutto, diviso in quattro capitoli che analizza l'importanza dei consumi di olio d'oliva sfuso in Italia, gli acquisti domestici di olio a cura dell'Osservatorio Ismea-Nielsen nelle campagne 1998/99 - 2001/02 e la tendenza degli acquisti nella campagna 2001/02. Il terzo capitolo si basa su un'analisi del comportamento di acquisto delle famiglie, mentre il quarto valuta le prospettive per le aziende olivicole nazionali.