A chi ci rivolgiamo

Banche

Garanzie dirette

Gli strumenti di Garanzia diretta

La garanzia diretta ISMEA è disciplinata dal decreto 22 marzo 2011 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze. 
L'obiettivo della garanzia diretta è favorire l'accesso al credito delle aziende agricole, attraverso l'abbattimento degli spread e la riduzione del patrimonio di vigilanza delle banche richiesto da Basilea 2. 
Si distingue in quattro differenti tipologie:

  1. FIDEIUSSIONE
  2. COGARANZIA
  3. CONTROGARANZIA
  4. GARANZIA DI PORTAFOGLIO

Fideiussione

La fideiussione è rilasciata da ISMEA - previa specifica istruttoria di merito - ai soggetti beneficiari, per le finalità e nei limiti previsti dalla normativa in materia e nel caso in cui il soggetto beneficiario richiedente non disponga di garanzie tali da assistere integralmente il finanziamento richiesto.

La fideiussione è richiesta ad ISMEA da parte soggetto beneficiario per il tramite della banca finanziatrice che inoltra la documentazione necessaria al rilascio.

In virtù della fideiussione la banca finanziatrice può ottenere, in seguito all'inadempimento del debitore principale e su richiesta ad ISMEA, il pagamento da parte della stessa ISMEA della somma garantita.

La fideiussione di ISMEA:

 
  1. integra la capacità dei soggetti beneficiari di offrire garanzie alle banche finanziatrici
  2. riduce il costo dell'indebitamento a carico del soggetto beneficiario per effetto del minor assorbimento di patrimonio di vigilanza bancario
  3. protegge le banche finanziatrici dal rischio di credito per la quota del finanziamento in essere garantita
 

Cogaranzia

La cogaranzia è rilasciata da ISMEA - previa specifica istruttoria di merito - ai soggetti beneficiari, per le finalità e nei limiti previsti dalla normativa in materia e nel caso in cui il soggetto beneficiario richiedente non disponga di garanzie tali da assistere integralmente il finanziamento richiesto.

ISMEA rilascia la cogaranzia affiancandola ad altra analoga rilasciata da un confidi agricolo.

La richiesta di cogaranzia deve essere effettuata da parte del soggetto beneficiario ad ISMEA per il tramite del confidi agricolo che inoltra ad ISMEA la documentazione necessaria al rilascio della cogaranzia.
Analogamente alla fideiussione, la banca finanziatrice può ottenere, in seguito all'inadempimento del debitore principale e su richiesta ad ISMEA, il pagamento da parte della stessa ISMEA della somma garantita.

La cogaranzia di ISMEA:

  1. integra la capacità dei soggetti beneficiari di offrire garanzie alle banche finanziatrici
  2. amplia la capacita dei confidi agricoli di supportare nell'accesso al credito gli imprenditori agricoli associati
  3. riduce il costo dell'indebitamento a carico del soggetto beneficiario per effetto del minor assorbimento di patrimonio di vigilanza bancario 
  4. protegge le banche finanziatrici dal rischio di credito per una quota del finanziamento in essere garantita
 

Controgaranzia

La controgaranzia è prestata da ISMEA su richiesta di un confidi agricolo - previa specifica istruttoria di merito - a fronte degli impegni per garanzia da questo assunti in favore dei soggetti beneficiari, per le finalità e nei limiti previsti dalla normativa in materia.

La controgaranzia ISMEA protegge la banca dal rischio di inadempimento del confidi, garante principale.

Il pagamento della controgaranzia può essere richiesto dalla banca in seguito al mancato pagamento della garanzia sottostante da parte del confidi agricolo controgarantito.

La controgaranzia ISMEA, ferme restando le condizioni previste dalla normativa bancaria in materia:
 

 


 

Garanzia di Portafoglio

La garanzia, di cui all'articolo 13 del D.M. 22 marzo 2011, prestata da ISMEA in favore di banche o intermediari finanziari a fronte di portafogli di finanziamenti erogati alle imprese agricole, a copertura di una quota delle prime perdite registrate sui portafogli medesimi.

 
 

 
 

Modalità operative per l'accesso ai contributi previsti per l'abbattimento della commissione di garanzia